Far socializzare il cane

Share

La socializzazione è davvero importante per il vostro cucciolo: da qui partirà la costruzione del suo futuro carattere è bene quindi essere attenti e pronti in materia . Ora che avete adottato un cucciolo, gli dovete l’impegno di assicurarvi che cresca bene, che diventi un cane ben integrato, a suo agio in compagnia delle persone e degli altri animali.

I benefici di una socializzazione precoce non possono mai essere sottolineati abbastanza, ma la buona notizia è che si tratta di un obiettivo facile e divertente sia per voi che per il vostro cucciolo. Tutto ciò che dovete fare è portarlo in giro più che potete e il prima possibile. Poiché le prime vaccinazioni vengono somministrate già all’età di sei settimane, è possibile cominciare a portarlo in giro da subito. Un consiglio, però: non cercate di fare tutto e subito, ma cercate di introdurre nuove esperienze nella vita del vostro cucciolo poco alla volta, almeno all’inizio piccoli passi insieme.

Il cucciolo e gli altri

puppy-boxer-breed-dog-lying-on-the-grass-725x544Importante è ricordarsi che le persone sono differenti per età, figura, dimensioni. Abituatelo al contatto con gli estranei, ma fate attenzione che non lo spaventino con dimostrazioni d’affetto troppo esuberanti.

È importante che il cucciolo si abitui anche al contatto con i bambini. Se non avete bambini in casa, portatelo fuori in mezzo a loro. Un suggerimento utile è quello di portarlo nei paraggi delle scuole: i bambini saranno subito entusiasti di sommergere il vostro adorabile cucciolo di coccole. Non dimenticate però che i cuccioli si stancano in fretta, quindi assicuratevi che gli incontri con le altre persone siano piuttosto brevi e date al cucciolo il tempo di riposare.

Fatelo stare con altri cani

Un aspetto cruciale della socializzazione è far incontrare il vostro cucciolo con altri cani e altri cuccioli. Assicuratevi però che questi ultimi siano anch’essi ben socializzati: una brutta esperienza potrebbe avere sul cucciolo un impatto traumatico che potrebbe durare tutta la vita , quindi attenzione.

Stando a contatto con cani adulti, il vostro cucciolo imparerà a rispettare gli anziani, fino al punto di arrivare persino a farsi “sgridare” da un cane più adulto se si agita un po’ troppo.

Fate attenzione, però, che il vostro cucciolo non venga sopraffatto da un esemplare più grande e giocherellone. L’ultima cosa che volete è avere un cucciolo terrorizzato, quindi assicuratevi di essere nei paraggi per potervi accovacciare al suo livello e fornirgli un riparo sicuro se necessario.

Non c’è ragione per non far incontrare al vostro cucciolo altri amichetti a quattro zampe come gatti, cavalli e persino animali da cortile. Esporlo a contatti di questo tipo vi ricompenserà permettendo al cucciolo di diventare un adulto amichevole e sicuro di sé.

Il cucciolo e il mondo esterno

Come parte del processo di socializzazione, cercate di far abituare il cucciolo ad ambienti, aspetti e suoni diversi. Con un animale che socializza bene con gli umani, si tratta di una cosa che avviene naturalmente. Fare in modo che si abitui alla città, alla campagna, al traffico e a viaggiare in auto dovrebbe essere piacevole sia per voi che per lui.

Chiedete, se lo credete necessario, al vostro veterinario di fiducia di indicarvi dei corsi di socializzazione dove la frequenza è consigliata quando il cucciolo ha tra le 12 e l 18 settimane.

Questa pagina del Comune di Roma vi indica parchi e aree verdi di uso pubblico, a Roma, autorizzati e realizzati con opportune attrezzature dove i cani possono muoversi, correre e giocare liberamente, senza guinzaglio e museruola, sotto la responsabilità degli accompagnatori.

 

Serena Tagliaferro Written by:

Serena Tagliaferro nasce a Roma. Socia e volontaria di molteplici associazioni animaliste, dai primi giorni di vita ad oggi ha avuto con sè l'immensa presenza dei suoi animali: gatti, uccelli, roditori, pesci e tantissime altre specie che le hanno permesso di conoscerli, rispettarli e fondamentalmente a prendersene cura al meglio.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *