Il maialino vietnamita

Share

Il maialino vietnamita, conosciuto anche come maiale nano, maialino pancia a tazza, maialino panciuto o maialino thailandese è intelligente, curioso e socievole , ama farsi grattare dietro le orecchie e sulla pancia e se viene coccolato si dimostra amichevole, docile e fedele, istaurando un forte legame con le persone e comunicando la sua amicizia con simpatici grugniti ed un allegro movimento della coda.

Si adatta bene alla vita di famiglia e va d’accordo con gli altri animali domestici: anzi, un cane adulto, se non è geloso, gli dà sicurezza e favorisce il suo inserimento in famiglia.

Come tutti i maiali ha una intelligenza paragonabile a quella del cane: gli si può insegnare a riconoscere il suo nome ed a rispondere al richiamo.

Il maialino vietnamita è un animale esotico che da qualche anno è sempre più diffuso anche in Italia . Pur essendo un amico simpaticissimo, intelligente e affettuoso, in grado di tenerci compagnia per tanti anni, non è però animale adatto a tutti, in quanto richiede cure particolari e un ambiente adatto.

Se si deciderà di adottare questo splendido animale è bene sapere che questa meravigliosa creatura dai mille nomi buffi e graziosi sopra elencati arriverà a pesare (nel giro di due o tre anni) dimensioni piuttosto considerevoli: gli esemplari adulti pesano dai 50 ai 100 kg, per una lunghezza media di 90 centimetri e un’altezza che tocca quasi i 40 centimetri.

Se allevato con cura può raggiungere un età di 10 – 15 anni e alcuni esemplari hanno raggiunto i 20 anni.

Per poter adottarne uno è bene rivolgersi a un allevamento specializzato: il prezzo di un maialino vietnamita può variare ma è compreso fra i 50 e 100 euro.

Importantissimo sarà adottarlo almeno dopo la sesta settimana di vita per permettere uno svezzamento sufficiente e un buon grado di socializzazione , ma consigliamo di aspettare qualche mese in più e recarsi magari più volte  all’allevamento per comprendere il suo carattere.

Non prendete un maialino pancia a tazza se non avete a disposizione un giardino nel quale farlo scorrazzare alcune ore al giorno: questo animale da compagnia ha bisogno di grufolare e stare all’aria aperta e, anche se pulito e addestrabile, non è adatto a una vita d’appartamento. Fondamentale per la sua vita sarà lo spazio , la libertà di muoversi e stare all’aperto!

I maialini vietnamiti non amano la solitudine anzi ne soffrono e il consiglio più grande che possiamo dare è quello di prenderne da subito due in modo che possano farsi compagnia .

I maialini spesso si sentono soli e hanno bisogno di un altro maialino che gli tenga compagnia.

Anche se pensiamo di essere abbastanza, a volte non lo siamo .

Purtroppo la vita che conduciamo al giorno d’oggi ci consente raramente di tenere compagnia costantemente ai nostri animali domestici e  la solitudine è un triste destino (vale per tutti gli animali che noi classifichiamo domestici).

Per i vietnamiti maschi é consigliabile la castrazione,  come nel cane, la castrazione può essere tecnicamente effettuata a qualsiasi età, ma è preferibile farlo il prima possibile in quanto gli animali conservano la memoria degli odori e delle sensazioni del vissuto. Consigliabile far tagliare le zanne da un veterinario, vere e proprie sciabole che possono diventare involontariamente pericolose.

Dal punto di vista legale, non esiste una legge apposita per il maiale da compagnia, per cui la normativa di riferimento è quella del suino da allevamento, con l’obbligo di comunicare all’ASL la detenzione ed il trasporto, che deve essere effettuato con automezzi autorizzati al trasporto degli animali, anche se alcune ASL consentono di usare i trasportini e l’autoveicolo privato come fosse un cane. Da informarsi presso la propria ASL anche le vaccinazioni obbligatorie, che variano da zona a zona, mentre si possono evitare quelle facoltative, perchè servono a prevenire malattie in caso di grandi concentrazioni di bestiame.

Serena Tagliaferro Written by:

Serena Tagliaferro nasce a Roma. Socia e volontaria di molteplici associazioni animaliste, dai primi giorni di vita ad oggi ha avuto con sè l'immensa presenza dei suoi animali: gatti, uccelli, roditori, pesci e tantissime altre specie che le hanno permesso di conoscerli, rispettarli e fondamentalmente a prendersene cura al meglio.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *