La leishmaniosi nei cani

Share

Ne abbiamo parlato in passato di questa malattia legata alla puntura dei pappataci, ma approfondiamola.

La leihsmaniosi è una malattia grave che può colpire il cane e talvolta anche l’uomo. Abbiamo già detto che per veicolare la malattia è necessario il pappatacio che attraverso la puntura può trasmettere il microorganismo responsabili dell’infezione (Leihsmania infantun). Il parassita è presente in Italia da maggio ad ottobre, se viviamo in una zona a rischio prevenire questa malattia recandoci dal veterinario e sottoponendo il nostro cane al test di controllo. Ricordiamo inoltre che la Leihsmaniosi è una malattia che può essere trasmessa dall’animale all’uomo.

Per ridurre la possibilità di contrarre la Leihsmaniosi , è fortemente consigliabile usare degli antiparassitari che abbiano effetto repellente contro i pappataci (consigliati dal veterinario).

Esiste anche un vaccino che diminuisce la possibilità di contrarre la malattia ma è solo un ulteriore mezzo di prevenzione e quindi non la esclude.

Infatti la terapia di questa malattia è complessa: diciamo che i farmaci disponibili hanno la funzione di rallentare il decorso della patologia e alleviarne i sintomi, ma non sono in grado di annientarla.

I sintomi nel cane non sono facili da riconoscere nella fase iniziale.

Parliamo di inappetenza, spossatezza dimagrimento quindi sintomi generici.

Quando l’infezione comincia a progredire, si avrà il coinvolgimento degli organi interni, a quel punto compariranno alterazioni della pelle come forfora e perdita di pelo, ingrossamento del sistema linfatico e disturbi renali. L’attività della malattia è generalmente di tipo cronico ma nei casi più gravi può portare alla morte del nostro cane.

Serena Tagliaferro Written by:

Serena Tagliaferro nasce a Roma. Socia e volontaria di molteplici associazioni animaliste, dai primi giorni di vita ad oggi ha avuto con sè l'immensa presenza dei suoi animali: gatti, uccelli, roditori, pesci e tantissime altre specie che le hanno permesso di conoscerli, rispettarli e fondamentalmente a prendersene cura al meglio.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *