Anziani a passo costante!

Share

Un recente studio pubblicato sulla rivista americana Experimental Gerontology e scritto da Qu Tian, dottoressa del Dipartimento della Salute americano, e Luigi Ferrucci, dottore Italiano che lavora presso il National Institute on Aging, sembra dimostrare che il tipo di camminata impiegato dalle persone anziane possa aiutare a prevenire possibili problemi di salute.

Gli autori hanno esaminato circa cinquecento individui lungo un percorso in cui si chiedeva loro di camminare per 400 metri fermandosi ogni 40 metri. Più il passo delle persone coinvolte nello studio si è rivelato incerto, discontinuo e variabile nella velocità, più è stata riscontrata una relazione con l’indebolimento di alcune aree della materia grigia del cervello.

Anche se lo studio non è in grado di individuare con certezza delle patologie, studiare il passo delle persone in età anziana può aiutare dunque a riscontrare possibili problemi a livello di integrità cerebrale.

Elena Biondi Written by:

Elena Biondi, tata da oltre 15 anni, consulente familiare dopo due lauree e due master ha deciso di aprire un'attività dalla radici tutte italiane ma con uno sguardo alle tecnologie europee. Ama molto i punti ma tende a collezionare virgole. Come manager di Non Solo Babysitter, per questo blog, si occuperà con gran piacere di rispondere alle vostre domande e di fornirvi link ed informazioni utili su come trovare la giusta scuola, asilo, attività per i vostri piccoli. Oltre a guidarvi nella scelta della Tata o Colf o Assistente più adatta.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *